Statistiche sito
Vai al CarrelloTotale 0,00 €
Carrello vuoto
Mostra il Carrello
×
 x 

Carrello vuoto

Iscriviti alla Newsletter

Seleziona la patologia
accetto la Privacy Policy


Sin dall'inizio degli anni '80 numerosi studi scientifici hanno evidenziato che rinfrescare il corpo prima o durante l'esposizione al calore può migliorare la capacità di sostenere carichi di lavoro intensi e prolungati nel tempo.
La superficie corporea raffreddata contribuisce a numerosi vantaggi fisiologici:
1. meno volume di sangue arterioso è diretto verso la pelle (quindi verso i muscoli);
2. una minor temperatura corporea significa che occorre maggior tempo per raggiungere livelli critici;
3. conservazione dei fluidi corporei (che sarebbero normalmente persi attraverso la disidratazione) ritardando così l'inizio della disidratazione e del calo della performance.

SCLEROSI MULTIPLA E FENOMENO DI UHTHOFF
Circa il 70% dei pazienti affetti da Sclerosi Multipla sono sensibili al calore.
Le elevate temperature, per esempio in estate, o eccessive fonti di calore in inverno possono determinare il peggioramento temporaneo di sintomi iniziali e fungere anche da fattori scatenanti. Ciò viene chiamato "fenomeno di Uhthoff".
In particolare possono comparire o aggravarsi i seguenti sintomi: affaticamento fisico, problemi di coordinazione ed equilibrio, spasticità, rallentamento delle funzioni cognitive e intellettive, vista annebbiata, balbuzie, problemi di controllo vescicale e sfinterico.
I nervi del nostro sistema nervoso sono rivestiti da uno stato di mielina, che garantisce il corretto passaggio degli impulsi nervosi. La Sclerosi Multipla è una malattia che danneggia il rivestimento di mielina, creando problemi neurologici più o meno gravi a chi ne è colpito.

In un nervo sano, i segnali elettrici possono passare facilmente da nodo a nodo. Considerando i nervi danneggiati dalla MS, i segnali elettrici fuoriescono attraverso l'isolamento danneggiato e non possono viaggiare efficacemente da nodo a nodo.
Semplicemente raffreddando un nervo danneggiato, la velocità del segnale elettrico è ridotto e la durata del segnale è allungata. Ciò permette al segnale di "saltare" la zona danneggiata e quindi di ristabilire il normale flusso dell'impulso elettrico, producendo notevoli miglioramenti nella visione, nell'affaticamento, nella spasticità, nella funzione conoscitiva ed altri sintomi tipici della SM.
"Il gilet refrigerante mitiga i disturbi provocati dalla sclerosi multipla." Questo è il risultato di uno studio condotto da un team di medici dell'Università di Groningen (Olanda).
I pazienti avevano indossato per un'ora un giubbetto speciale raffreddato ad una temperatura di otto gradi. Ciò aveva migliorato il senso d'equilibrio e la forza muscolare e, al confronto con il gruppo di controllo, si notò anche una minor stanchezza dei pazienti.
Oltre a ciò il tasso di ossido d'azoto del sangue era sensibilmente diminuito. L'ossido d'azoto è, nella sclerosi multipla, uno dei più rilevanti fattori cagionanti la tipica degenerazione dello strato di mielina. (Fonte: Die Welt, 15.9.2001)
Se volete approfondire gli effetti del calore sui sintomi della SM Potete consultare i seguenti links (http://mymsaa.org/msaa-help/cooling-products/,http://www.nationalmssociety.org/about-multiple-sclerosis/what-we-know-about-ms/treatments/exacerbations/heattemperature-sensitivity/index.aspx) ai siti internet delle associazioni americane sulla SM.
Anche l'ente spaziale americano (la NASA) con i suoi studi scientifici ha dimostrato che anche piccoli abbassamenti di temperatura dovuti al raffreddamento corporeo, migliorano sensibilmente la velocità nel camminare e la visione.

Ulteriori approfondimenti sull'influenza della temperatura sulla "fatica da SM" sono consultabili in vari autorevoli siti internet sia italiani che stranieri, ed inoltre, a titolo esemplificativo, mostriamo una prescrizione medica di abbigliamento refrigerato rilasciata dal Servizio Riabilitazione AISM Liguria (sede di Genova).

Sfruttando questo principio scientificamente dimostrato da numerosi ed autorevoli studi, l'abbigliamento refrigerato, pur non offrendo cure, si propone di alleviare i complessi e a volte pesanti sintomi della SM: PARLATENE CON IL VOSTRO NEUROLOGO

DISPLASIA ECTODERMICA IPOIDROTICA
La Displasia Ectodermica è una malattia "genetica" e "rara" caratterizzata da uno sviluppo anomalo o ridotto dell'ectoderma. L'ectoderma é quella parte fetale che durante la gravidanza é preposta alla formazione delle ghiandole esocrine del corpo (ghiandole sudoripare), ai peli, ai denti, alle unghie e ad alcune parti del sistema nervoso.
Si manifesta in svariate forme, colpendo in modo più o meno grave le varie parti del corpo interessate.
Nella Displasia Ectodermica Ipoidrotica le ghiandole sudoripare possono non svilupparsi o funzionare in modo propria anormale, senza la normale produzione di sudore il corpo non può regolare la temperatura nel modo adatto. Di conseguenza è comune il surriscaldamento specialmente durante la stagione estiva.
E dato che le persone che non sudano adeguatamente possono avere problemi di sovratemperatura, occorre prendere delle precauzioni per prevenire questo problema, o per raffreddare il corpo, se necessario.
Oltre ai tradizionali nebulizzatori d'acqua e agli impianti di aria condizionata, può risultare utile indossare capi di abbigliamento refrigerato per abbassare la temperatura coprorea.
I problemi di sudorazione risultano particolarmente accentuati nei bambini e nei ragazzi, arrivando anche a pregiudicare la loro qualità della vita. soprattutto nel momento del gioco e del tempo libero, solitamente impiegato per fare sport.
A differenza dei primi abiti refrigerati disponibili in commercio che erano molto ingombranti, ora un ragazzino potrebbe agevolmente indossare il gilet refrigerante e giocare a calcio, a basket, ecc. con i propri compagni.

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
L'azione refrigerante dei prodotti Arctic heat è dovuta a speciali cristalli, non tossici e biodegradabili che assorbono acqua, si trasformano in gel e mantengono per lungo tempo la temperatura dell'acqua presente all'interno.
I prodotti possono essere raffreddati immergendoli in acqua fredda o ghiacciata, riponendoli in un frigo, anche portatile, oppure nel congelatore. Ricerche scientifiche hanno dimostrato che il gel mantiene la temperatura tre volte più a lungo al confronto di prodotti comparabili.
I principali benefici sono:
- Riduzione della temperatura dell'epidermide fino a 17° C e stabilizzazione della temperatura del corpo;
- Significativo lenimento degli impedimenti provocati dalla malattia e di conseguenza deciso miglioramento dell'efficienza fisica.

ISTRUZIONI PER L'USO
Per utilizzare il gilet in modo da beneficiare delle sue proprietà refrigeranti, inserire il prodotto nel surgelatore (è sufficiente quello del frigorifero di casa) o nel congelatore per 2 ore.
Ovviamente a seconda della stagione, della temperatura esterna, della temperatura del congelatore, del tempo che trascorre prima dell'effettivo uso, ecc. il singolo utilizzatore dovrà regolarsi in modo che il capo non sia troppo ghiacciato e quindi troppo rigido per l'indossatura.
Tempi di refrigerazione
La durata dell'effetto refrigerante dipende in gran parte dalla temperatura ambientale ed anche dalla temperatura corporea di chi lo indossa.
Se il prodotto è stato raffreddato per 2 ore, l'effetto refrigerante avrà una durata variabile tra 75 a 120 minuti.
Lavaggio e Asciugatura
I prodotti possono essere lavati in lavatrice con ciclo e detersivo per capi delicati (max 15 minuti), in acqua fredda o calda (40 °C).
Possono essere usati prodotti sterilizzanti, ma non candeggina.
I prodotti possono essere lavati insieme ad altri indumenti.
L'asciugatura può avvenire all'aperto o in asciugatrice (max 15 minuti).

Riconoscimenti

Lyddawear

Lydda Wear è l'unica azienda esistente in Italia che da oltre 15 anni studia, progetta e realizza capi d'abbigliamento specifici per chiunque sia seduto in carrozzina o per chiunque sia affetto da patologie invalidanti.

Migliaia di utenti in questi anni si sono affidati a Lydda Wear, permettendogli di crescere e sviluppare nuovi capi d'abbigliamento con soluzioni tecniche sempre più vicine alle loro esigenze.

Leggi tutto



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.